• Firenze - Chiesa SS. Nome di Gesù ai Bassi

  • 39055781896

Zenrico, o il suo Clone

“’Zenrico, o il suo clone?” è un viaggio a tappe compresenti – spiegano gli Autori Massimo Blaco ed Enrico Zoi.

È la storia di una vita che si specchia nel suo ambiente naturale e contemporaneamente nell’altro da sé, è la narrazione di un approdo attraverso stagioni all’inferno ed eccentriche visioni, è un percorso non obbligato verso un finale dalla drammatica tensione, è un itinerario tra la vita e la morte, esemplificate dalla presenza dell’essere/non essere più in voga nel mondo in questi ultimi anni, gli zombies, è un cammino letterario che tenta di calpestare e digerire più stili, linguaggi ed immagini, prosa e poesia, per cercare le domande, abbozzando alcune risposte e lasciandone altre nel vago, è un incontro di intelligenze e anime che, guidate dal caso e talora, da comuni passioni, hanno pensato di salire insieme sullo stesso convoglio, un po’ come Francis, Peter e Jack, i tre fratelli Whitman del film di Wes Anderson “Il treno per il Darjeeling”. “Zenrico, o il suo clone?” è quindi un monologo, un dialogo e un triangolo gettato in faccia agli spettatori e contemporaneamente, sinuoso, mellifluo, delicato, ambiguo e traditore come una serpe”.

Visita la galleria fotografica, sezione Comunità oggi, momenti, vi troverai una raccolta di suggestive fotografie della recente rappresentazione in Baracca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *